Visita di Gubbio

la terra DEI CERI

DATI UTILI

Altitudine: 522 m s.l.m.
Superfice: 525,78 km²
Cap: 06020 - 06024
Prefisso Telefonico: O75

 

Cenni Storici

Nel territorio eugubino sono da collocarsi già nel paleolitico. Resti di un villaggio di età neolitica sono stati trovati in località San Marco. Nell'età del bronzo un abitato si sviluppò per più secoli sul soprastante monte Ingino; le relative tombe, scoperte limitatamente all'età del bronzo finale, si trovavano nell'area successivamente occupata dal centro.Le Tavole eugubineGubbio fu una città umbra con il nome di Ikuvium o Iguvium, posta sulle vie di comunicazione tra il Tirreno e l'Adriatico. Testimonianze del periodo umbro sono le Tavole eugubine, scoperte intorno metà del XV secolo e acquistate dal comune nel 1456, costituite da sette tavole in bronzo, in parte redatte in alfabeto umbro e in parte in alfabeto latino, ma sempre in lingua umbra, ora custodite presso il museo civico del Palazzo dei Consoli.Periodo romanoAlleatasi con Roma nel 295 a.C., nel 167 a.C. vi fu custodito Genzio, ultimo re dell'Illiria fatto prigioniero dal pretore Lucio Anicio Gallo. Gubbio ottenne nell'89 a.C. la cittadinanza romana: fu eletta a municipium e ascritta alla tribù Clustumina.Alto medioevoInvasa dagli Eruli, fu nel 552 distrutta dai Goti di Totila, ma venne ricostruita con due potenti torri difensive dai Bizantini di Narsete, generale di Giustiniano, non più in pianura, ma alle pendici del monte Ingino. Nel corso dell'VIII secolo, Gubbio fu interessata a più riprese dall'espansione dei Re longobardi Liutprando, Astolfo e Desiderio nei territori bizantini dell'Italia centrale.

 

Libero Comune

Ceduta alla Chiesa con le donazioni di Pipino il Breve e Carlo Magno, la città, pur assoggettata ai vescovi, si costituì in Libero comune di fazione ghibellina e, nell'XI secolo, iniziò una politica espansionistica. Distrutta Luceoli, posta sulla via Flaminia nei pressi dell'odierna Cantiano, il suo vasto territorio fu inglobato in quello eugubino e, in posizione più strategica, fu fondata Pergola (poi città autonoma dal 1752). La creazione di Pergola fu considerata pericolosa dalla vicina città di Cagli, che già si sentiva minacciata da Gubbio, in quanto gli eugubini avevano ottenuto la concessione imperiale sullo strategico castello di Cantiano, controllando di fatto, agevolmente, i collegamenti sulla via Flaminia; ne nacquero una serie di scontri che coinvolsero, in forza delle alleanze promosse dai cagliesi, anche Perugia. Le continue guerre di confine portarono Gubbio ad avere più di cento castelli sotto il suo dominio ma, nello stesso tempo, ad entrare in forte conflitto con Perugia, allarmata dal suo espansionismo. Nel 1151 undici città confederate, capeggiate da Perugia, attaccarono Gubbio con l'intento di spazzarla via. La città resse all'urto e il seguente contrattacco portò ad una schiacciante vittoria degli assediati. L'evento fu attribuito all'intervento ritenuto miracoloso di sant'Ubaldo (1080-1160), allora vescovo della città. La potenza militare e commerciale che Gubbio andava sempre più ostentando portò ad altri scontri con Perugia, finché nel 1257 i perugini occuparono parte dei territori eugubini, che furono poi restituiti con il trattato di pace del 1273.

 

Regno d'Italia

Nel 1860 Gubbio fu annessa al Regno d'Italia e, per effetto del decreto Minghetti, il 22 dicembre 1860 fu distaccata dalle Marche e aggregata all'Umbria, distaccandola dalla Delegazione apostolica di Urbino e Pesaro e aggregandola alla neo-costituita Provincia di Perugia. A seguito della depressione economica del 1873-1895, conseguente alla crisi agraria che si ebbe in Italia verso il 1880, numerosi abitanti emigrarono alla ricerca di lavoro e migliori condizioni di vita. Tale fenomeno è continuato per circa un secolo, in varie ondate condizionate dalla prima e dalla seconda guerra mondiale, per esaurirsi negli anni settanta. Le mete furono essenzialmente i paesi europei, quali ad esempio Lussemburgo, Francia, Belgio, Svizzera, Germania, i paesi dell'America del Nord (Canada e Stati Uniti) e dell'America del Sud (Argentina e Brasile), e anche Sudafrica e Australia.

FONTE DATI WIKIPEDIA
 

Luoghi da Visitare


  • Antiquarium del Teatro Romano
  • Basilica di Sant'Ubaldo
  • Cattedrale Santi Mariano e Giacomo
  • Chiesa di San Felicissimo
  • Chiesa di San Francesco della Pace
  • Chiesa di San Francesco di Paola
  • Chiesa di San Giovanni
  • Chiesa di Santa Maria della Vittoria
  • Chiesa di Sant'Agostino
  • Mausoleo
  • Museo Torre Porta Romana
  • Museo civico Palazzo dei Consoli
  • Museo della Balestra
  • Museo Memorie Ubaldiane
  • Museo Palazzo Ducale
  • Museo Diocesano
  • Museo Laboratorio Multimediale
  • Palazzo dei Consoli
  • Palazzo del Bargello
  • Palazzo del Capitano del Popolo
  • Palazzo Ducale
  • Palazzo Pretorio
  • Palazzo Ranghiasci Brancaleoni
  • Porta Romana
  • San Domenico
  • San Giovanni Battista
  • Teatro romano

 

Manifestazioni


  • Mese di Maggio
Corsa dei Ceri
Festa in onore del patrono della città, Sant'Ubaldo, in cui tre pesanti macchine di legno vengono portate a spalla in una sorta di staffetta senza vincitori. L'ordine dei tre ceri, Sant'Ubaldo patrono di Gubbio, San Giorgio e Sant'Antonio, è sempre lo stesso.
Palio della Balestra
Evento folcloristico in onore del patrono della città, Sant'Ubaldo.
  • Mese di Settembre
Sentiero di San Francesco
Quaranta chilometri da coprire in tre giorni per ripercorrere il percorso fatto da San Francesco d'Assisi nell'inverno tra il 1206 e il 1207.
  • Mese di Ottobre
Festival del Medioevo
Manifestazione culturale incentrata sulla divulgazione storica e caratterizzata da lezioni magistrali, incontri con gli autori e “faccia a faccia” tra storici e saggisti. Propone inoltre mostre, mercati, una fiera del libro medievale, film, rievocazioni storiche, spettacoli, concerti, laboratori per bambini, erbari, giochi di ruolo e visite culturali guidate.
  • Mese di Dicembre
Albero più grande del Mondo
Sulle pendici del Monte Ingino, viene disegnato con lampioni colorati il famoso Albero di Natale più grande del mondo.