taxi tour 7

Terni


L’antica Interamna Nahartium patria dell’Imperatore Marco Claudio Tacito e forse dello scrittore Cornelio Tacito, nonché di altri importanti personaggi del passato. Nonostante il suo assetto attuale prevalentemente moderno e dinamico, conserva parte del suo centro antico e alcuni bei palazzi e chiese. Tra questi ricordiamo in particolare la duecentesca chiesa di San Francesco, ove si trova la bellissima Cappella Paradisi, con affreschi del XIII secolo; la chiesa di San Salvatore, sorta su una preesistente costruzione di epoca romana, con affreschi dal XII al XV secolo. L’antica chiesetta di Sant’Alò, piccolo gioiello romanico; quella di San Pietro, con la sua interessante struttura absidale ed il suo chiostro ed infine il Duomo, eretto nel XVII secolo. Ma la più importante chiesa è forse la Basilica di San Valentino, che custodisce il corpo del Santo, Vescovo di Terni e martirizzato nel terzo secolo d.C., oggi eletto in tutto il mondo, patrono degli innamorati. Degni di nota sono anche i resti dell’Anfiteatro romano e delle antiche mura, i quartieri medievali dislocati tra la via Cavour e la Piazza del Duomo, nonché quelli attorno alla via Garibaldi e alla via Roma, dove è possibile ammirare i resti di antiche torri ed alcuni bei palazzi. Caratteristica è la Fontana che si erge al centro di piazza Tacito, ricostruita sul modello di quella precedente distrutta dai gravi bombardamenti, che nel corso dell’ultima guerra, abbatterono gran parte della città, per la presenza delle sue numerose industrie e soprattutto della Fabbrica d’Armi.  In essa si nota un bel mosaico raffigurante i dodici segni zodiacali con al centro un pinnacolo d’acciaio, simbolo stesso della città. Altro interessante monumento è Palazzo Spada, che oggi ospita la sede del Comune dominando la piazza Europa, progettato forse dall’architetto Antonio da San Gallo, che poi venne in gran parte trasformato con l’aggiunta di un corpo architettonico che portò alla scomparsa del bel giardino che all’epoca caratterizzava i palazzi signorili. Recentemente a Terni è sorta la cosiddetta Bibliomediateca, importante centro multimediale, che ha trovato il suo centro ideale nell’ex Palazzo Comunale opportunamente restaurato.

 

Cascate delle Marmore


Si trova a soli 7 chilometri da Terni, ed è sicuramente una delle bellezze naturali più emozionanti d’Italia, in cui raramente è possibile partecipare a momenti così straordinari e a spettacoli così fantastici e superbi al tempo stesso. Nella cascata si assommano e si fondono potenza, bellezza, dinamismo, inabissandosi con fragore e con la carica dirompente delle sue acque, innalza nel cielo una nuvola di goccioline mentre nel cielo spesso si staglia nitido l’arcobaleno. Essa è stata immortalata da grandi pittori come Corot, cantata da Lord Byron e visitata da grandi principi e personaggi famosi in ogni epoca. Essa venne realizzata dal console Curio Dentato nel 271 a.C. e convoglia nel fiume Nera le acque del Velino, che un tempo ristagnavano nella sovrastante pianura di Rieti. Le sue acque discendono a precipizio per 165 metri, dividendosi però in tre salti di cui il primo, che è il più alto, è di circa 80 metri.

 

Lago di Piediluco


Si tratta di uno specchio d’acqua tranquillo, di forma alquanto irregolare, molto suggestivo e circondato da alti rilievi boscosi che lo fanno somigliare ad un laghetto alpino. Sulle rive di esso si snoda il pittoresco centro di Piediluco (il suo appellativo significa” ai piedi del monte”) con il suo antico assetto urbano, con le sue basse casette dalle facciate colorate e dislocate in quello stretto lembo di terra che corre tra il lago e il monte. Di fronte ad esso, con la sua inconfondibile sagoma conica, si innalza la montagna dell’Eco, così chiamata perchè rimanda perfettamente la voce giungendo a ripetere fino a due endecasillabi, in quattro secondi. Alle spalle del paese, domina, ormai in parte diroccata ma sempre superba ed imponente, la Rocca, sorta in posizione strategica intorno all’XI secolo e spesso oggetto di contese tra i signori dei centri limitrofi. Il centro remiero di canottaggio di Piediluco è divenuto il più apprezzato in campo nazionale ed internazionale. Ogni anno, vi si svolge la Festa delle Acque, che propone oltre a manifestazioni a carattere artistico e culturale, una stupenda sfilata di barche allegoriche.